Filo di cotone VS filo di poliestere: qual è meglio per cucire?

Guida veloce per scegliere con sicurezza.

Qui a Casa Cenina riceviamo spesso questa domanda e vorremmo sgomberare subito il campo da ogni dubbio: non esiste, secondo noi, una risposta assoluta. Esistono, invece, delle risposte a seconda del progetto o del lavoro di cucito che si intende realizzare.
Se è vero, infatti, che il cucirino di cotone viene spesso percepito come “di maggiore qualità/pregio”, rispetto a quello di poliestere, è altrettanto vero che il filo per cucire in poliestere offre maggiore resistenza e produce cuciture più sottili, quindi meno impattanti sull’aspetto del capo (o del manufatto) finito.


Il filo di puro cotone, invece, è sicuramente preferibile se si devono eseguire cuciture decorative, come nel caso del quilting (trapuntatura) che, non a caso, vede il cotone Aurifil (100% italiano!) come il più amato tra le appassionate di patchwork, in primis proprio negli USA, patria indiscussa di questa tecnica creativa. Un altro caso nel quale è assolutamente raccomandabile optare per il cucirino di cotone è quando si prevede di tingere il capo dopo averlo cucito: il poliestere, infatti, non assorbe il colore delle tinture fai da te.

Di contro, però, il filo di poliestere non stinge nemmeno ad alte temperature e, pertanto, su capi destinati a essere messi sovente in lavatrice e a non meno di 40/60°C, è la scelta migliore.

Infine, il cucirino in poliestere è, in genere, disponibile in una gamma di colori più ampia rispetto quella dei fili per cucito di cotone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *